La storia di MimmaMà

Una storia di donne e di mamme

2006

Com’è nata la poltrona d’allattamento MimmaMà? Dalla collaborazione di donne che hanno pensato un mondo a misura di mamme e bambini

MimmaMà è stata progettata dall’arch. Mitzi Bollani – esperta europea in accessibilità per tutti – su richiesta della Dr.ssa Stefania Sani – allora primario di ostetricia dell’Ospedale di Pistoia – che cercava una soluzione efficace alle esigenze e alle difficoltà delle puerpere con l’obiettivo di facilitare l’allattamento al seno e il suo prolungamento nel tempo, accelerando la relazione tra mamma e bambino (maternal bonding).

La Dr.ssa Sani supponeva che se la mamma si fosse trovata nella condizione di stare seduta in modo confortevole, senza provare sofferenza per le ferite post parto, sarebbe stata più disponibile ad ascoltare le indicazioni del personale e ad “imparare ad allattare” nel modo corretto così da vuotare tutti i dotti lattiferi e non rischiare mastiti o ragadi. Piano piano questi gesti sarebbero diventati naturali e l’intesa tra mamma e bambino si sarebbe sviluppata, consentendole di anticipare le richieste del piccolo, evitando pianti e stress. Lo scopo era convincere le mamme a protrarre nel tempo l’allattamento al seno per tutelare la loro salute e quella del bambino. “Mi sono dedicata con molto piacere a questo progetto e ho imparato veramente tanto!” – ricorda l’arch. Mitzi Bollani. “Ho rivissuto l’esperienza della nascita delle mie figlie e ho partecipato commossa alla gioia delle nuove mamme! É meraviglioso osservare il neonato pronto a succhiare che cerca il seno guidato dal suo istinto e dall’odore della sua mamma“.

Mitzi Bollani, ha disegnato una poltrona con una particolare modellazione della seduta che sostiene la mamma, eliminando le pressioni nella zona perineale e riducendo quindi i dolori post parto, permettendole di mantenere il bambino o i gemelli nelle corrette posizioni di allattamento. La stretta collaborazione con la Dr.ssa Sani e il suo staff ha consentito di testare i modelli della poltrona e di intervenire su di essi con l’aggiunta o la rimozione di plastilina al fine di trovare la corretta forma, adatta a donne con diversi percentili di altezza, per offrire loro un ottimo supporto di schiena, braccia, gambe e lombare.

Ho modellato MimmaMà come una scultura, per questo non ha un aspetto tipicamente ospedaliero: è l’immagine poetica di una donna che accoglie in grembo la neo-mamma per darle sollievo, protezione e sostegno mentre nutre il suo bambino: l’abbraccio di una mamma – un dono – un augurio – un aiuto”. Spesso le mamme vivono con ansia le prime difficoltà nell’attaccare al seno il proprio figlio, arrivando quasi a sentirsi inadeguate. La preoccupazione che il bambino non mangi a sufficienza, i dolori per le ferite del parto, eventuali ragadi o mastiti, tolgono la magia di questo tenero e impagabile momento. Il nome della poltrona ricorda la relazione materna che si instaura subito dopo la nascita e il territorio dove questo progetto è nato: Mimma = bambina (in toscano) e Mà = mamma.

2007

Prototipo

Il 30 settembre 2007 viene realizzata e stampata in poliuretano integrale autopellante la prima poltrona MimmaMà. La poltrona ha un design particolare e facilmente riconoscibile grazie alla sua forma e al poggiatesta che consente alla mamma di poggiare la testa reclinata e rivolta verso il basso mentre guarda il suo bambino succhiare durante le poppate. Il poggiatesta è reclinabile a destra e sinistra per seguire il lato in cui si sta allattando.

2007

Presentazione al pubblico

MimmaMà viene presentata per la prima volta al pubblico al MEDICA e COMPAMED (14-17 Ottobre 2007) di Düsseldorf e alla Fiera Tedesca di Berlino – 23° Congresso di Medicina Neonatale (28 Novembre – 1 Dicembre 2007) ottenendo grande successo. Le prime strutture sanitarie ad acquistare la poltrona saranno l’Ospedale San Paolo di Milano e il Children Hospital di Anchorage in Alaska.

2008

Progetto pilota

Nello stesso anno l’Ospedale di Pistoia inizia il suo progetto pilota con due poltrone MimmaMà che ha come obiettivo l’aumento del numero di mamme che prolungano l’allattamento al seno fino ai sei mesi del bambino e oltre. La poltrona viene perfezionata: il poggiatesta viene inserito nello schienale con un sistema a clik-clak protetto da un elemento in fusione di alluminio lucidato con la scritta e il logo LEURA.

2008

Premio Well Tech

La poltrona d’allattamento MimmaMà viene selezionata per il premio Well Tech – Premio all’innovazione tecnologica – che sceglie ogni anno sessanta prodotti distintisi a livello internazionale per innovazione tecnologica e valori di accessibilità, sostenibilità e qualità della vita. La motivazione tecnologica è: “si tratta della stampata a tutto tondo più grande che sia stata mai realizzata con solo due piccoli punti per lo scarico dell’aria”.

2009

Risultati dei Test

I lavori di ricerca effettuati dall’Ospedale di Pistoia sulla poltrona d’allattamento MimmaMà vengono presentati al Convegno di Neonatologia di Bologna. Gli obiettivi del reparto di maternità sono stati raggiunti: la maggioranza delle puerpere dopo 40 giorni abbandonava l’allattamento al seno, mentre dopo l’esperienza di apprendimento delle posizioni di allattamento su MimmaMà il 65% delle donne ha deciso di prolungare l’allattamento fino al primo anno del bambino.

2009

Primo MimmaMà Point

Per sostenere fuori casa le mamme che allattano viene studiato e inaugurato il primo spazio di allattamento MimmaMà Point, presso il centro commerciale Il Gotico di Piacenza: un servizio dedicato alle famiglie, fortemente voluto dalla Direttrice Monica Pollini, che è tuttora attivo e sempre molto apprezzato. MimmaMà inizia così ad arredare spazi dedicati alla mamma nei centri commerciali di tutto il mondo ed entra nel mercato tedesco nei migliori ospedali.

2010

Nuovi Modelli

Leura srl inizia a valutare la creazione di nuovi modelli per agevolare le richieste di tre diversi mercati: ospedaliero, pubblico e privato. La poltrona MimmaMà viene ora realizzata in poliuretano morbido e rivestita in eco-pelle in 4 varianti di colore e viene eliminato il poggiatesta.

2011

Baby Pit Stop UNICEF

MimmaMà è protagonista al Salone del Mobile di Milano nello spazio “BaBy Pit Stop Design” presso lo Spazio Ex Ansaldo e nella hall del Nhow Hotel in via Tortona 35 in occasione del lancio del progetto BaBy Pit Stop di UNICEF.

2011

Baby Little Home

MimmaMà arriva in Trentino nell’ospedale di Cavalese e diventa parte del progetto Baby Little Home con l’inaugurazione della prima casetta per accogliere le famiglie presso il Parco della Pieve di Cavalese a cui ne seguiranno molte altre. MimmaMà inizia ad arredare spazi family friendly in parchi, piscine, centri sportivi… in Italia e all’estero.

2013

Marchio Designed for You&All

La poltrona MimmaMà ottiene il marchio Designed for You&All grazie alle sua multi-funzionalità e al design ergonomico che la rendono una poltrona comoda per tutti, pur rispondendo alle esigenze specifiche delle mamme che devono allattare.

2014

Iscrizione al TGA australiano

MimmaMà arreda tutte le stanze del reparto maternità del Sydney Adventist Hospital e viene registrata all’Australian TGA (Therapeutic Goods Administration), si avvia così il mercato australiano.

2014

MimmaMà prende il volo

Per la prima volta, “vola” in aeroporto arredando la Baby Lounge dell’Aeroporto di Torino, a cui seguiranno gli aeroporti di Heathrow (Londra), Charles De Gaulle (Parigi) e l’aeroporto di Marsiglia…

2015

A Milano EXPO nasce “Segui il cuore…”

In occasione di Milano EXPO – Leura crea  un’area di allattamento presso Cascina Triulza, a supporto di tutte le mamme e le famiglie con bambini piccoli che parteciperanno all’evento. In questa occasione Mitzi Bollani – lancia il progetto “Segui il cuore…” volto a favorire la realizzazione di una rete di spazi di allattamento qualificati sul territorio nazionale presso tutti gli enti aperti al pubblico.

2018

Al via “Segui il cuore… Latte e Cultura”

Leura partecipa al sostegno dell’anno Europeo del Patrimonio Culturale con il progetto ,  “Segui il cuore… Latte e Cultura” a cui hanno aderito diversi musei e biblioteche realizzando spazi dedicati ad accogliere mamme con bimbi piccoli per garantire loro la frequentazione dei luoghi di cultura.

2018

Spazi emozionali

Per accogliere le mamme che allattano in un ambiente confortevole e rilassante, anche quando gli spazi disponibili sono ristretti, Leura srl crea le illustrazioni murali Sign On, adatte agli spazi pubblici perché sono lavabili, sanificabili e ignifughe.

2020

EMERGENZA COVID19

Covid 19 modifica le procedure ospedaliere e fortifica la prassi del rooming-in. Il bambino resta in camera con la sua mamma 24 ore su 24. Anche in Italia gli ospedali tendono a inserire MimmaMà in tutte le stanze dei reparti di ostetricia e neonatologia anziché attrezzare salette di allattamento comuni.

2021

Pranzare senza dolore 

L’arch. Mitzi Bollani propone l’uso della poltrona MimmaMà anche per consumare i pasti nelle camere di degenza ospedaliere e per questo disegna il tavolino MiMa che si inserisce perfettamente nella poltrona offrendo una confortevole postazione per il pranzo e la cena: in questo modo anche durante i pasti la mamma beneficia della modellazione della poltrona che allevia i dolori delle ferite post parto.

Oggi

Oggi MimmaMà è un dispositivo medico con Dichiarazione CE disponibile in diversi modelli che offre sostegno a mamme e bambini in tutto il mondo. Aeroporti, centri commerciali, ospedali, musei, biblioteche, asili, … hanno scelto questa poltrona per le sue qualità ideali per gli ambienti frequentati dal pubblico. Ergonomica, ignifuga, antibatterica, priva di lattice e facile da sanificare MimmaMà accogliere le mamme facilitando  l’allattamento fuori casa e garantendo loro il massimo comfort in questo speciale momento della vita. Per maggiori informazioni visitate la pagina MimmaMà.

Menu